X Factor e l’addio a Morgan: è bufera. E lui accusa Fedez: Mi ha aggredito

Una vera e propria bufera, che forse potrà tornare utile soltanto agli ascolti del programma.

Del licenziamento di Morgan da X Factor si continua a parlare, anche aspettando la puntata di giovedì sera, soprattutto perché l’ormai ex giudice del talent sta cominciando a far sentire (o meglio, a leggere) la sua reazione a questa scelta del programma. Prima ha reagito con un post in cui ha scritto che “l’editto satellitare è stato emanato”.

E poi, rintracciato da La Repubblica, parole rilanciate ovunque nel web, ha commentato la vicenda, spiegando nell’intervista che il “licenziamento” da giudice del talent di Sky è stato “come l’editto bulgaro di Berlusconi, solo perché ho scompigliato gli interessi di una lobby allucinante. Se sono stato sorpreso dalla decisione? Sto studiando la disciplina del licenziamento illegittimo, la tutela nel caso di licenziamento discriminatorio e illegittimo di un lavoratore”.

La storia del suo licenziamento, però, non finirà lì. Come riportato da Repubblica, infatti, ‘Morgan promette guerra a X Factor, dopo l’annuncio dell’allontanamento immediato dal programma per “comportamenti inappropriati” del cantante durante il programma. “Non si può licenziare un lavoratore senza una ragione”.

E ancora: “Hanno fatto un licenziamento ingiustificato – continua Morgan – e ne dovranno rispondere di fronte a un giudice del lavoro. Se ne potrebbe parlare sul piano culturale ma la prima cosa è che hanno agito con prepotenza su un lavoratore, il fatto che io sia rinomato non differenzia la mia posizione quella di un normalissimo dipendente di un’azienda. Tra l’altro un licenziamento fatto solo verbalmente, neanche a mezzo di lettera”. Ancora Morgan: ‘Le accuse di Morgan sono dure, il cantante promette scintille- scrive Repubblica- “Con questo comunicato mi stanno diffamando. Una calunnia. Non la passano liscia. Prendete i popcorn, gente”, annuncia.

Racconta poi un bruttissimo episodio successo nei camerini: “Fedez mi ha detto cose orrende e diffamanti, mi ha aggredito mentre ero in camerino con mia figlia di tre anni, che ho dovuto abbracciare per tranquillizzarla, con lui che batteva i pugni sulle pareti dicendo che i depressi si sarebbero tutti scagliati contro di me, e ha chiesto il mio licenziamento urlandomi pezzente davanti a tutti. Gridava come un pazzo, faceva accapponare la pelle”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Instagram